Archivi categoria: mostre

Mostre ed estemporanee di Agnes Preszler in corso e nel mese di agosto 2012

E’ attualmente in corso (fino al 29 luglio) la mostra itinerante “Scoprire la Ciociaria” presso il Teatro Comunale di Fiuggi, nell’ambito di Fiuggi Family Festival, e  (fino al 5 agosto) la mostra “L’anima nel volto” alla Villa Comunale di Frosinone, nell’ambito della seconda edizione della rassegna “L’Arte visiva contemporanea”.

L’artista verolana dice: “Per me si tratta di due occasioni davvero molto prestigiose. Sono contenta di aver partecipato al progetto “Scoprire la Ciociaria” insieme ad altri artisti italiani e stranieri, è stata una esperienza molto positiva. Quanto alla mostra alla Villa Comunale, dove avevo già esposto in varie collettive, ora essere presente alla rassegna è davvero un grande onore. Quest’anno per me è ricco di successi, in pochi mesi ho esposto in luoghi davvero molto ambiti come il Palazzo dei Conti Gentili ad Alatri, Il Palazzo dell’Amministrazione Provinciale di Frosinone (ottenendo anche il premio speciale del Concorso “Megalmiti e megalmitiche”), la Biblioteca di Cassino e la Banca Popolare del Cassinate, la cattedrale di S.Bartolomeo a Pontecorvo, ricevendo ovunque un’ottima accoglienza. Partecipo inoltre con piacere agli eventi organizzati da ArtQube, mi sento a mio agio tra i giovani artisti condividendo il loro entusiasmo e voglia di fare.

Gli appuntamenti nel mese di agosto

  • dal 1 al 15 agosto collettiva a Trevi nel Lazio, seconda tappa della mostra itinerante “Scoprire la Ciociaria”. L’artista partecipa con tre opere realizzate nei comuni di Piglio, Fiuggi e Serrone durante le estemporanee rispettive
  • il 11 e 12 agosto, “Tra Stelle e Colori“, mostra d’arte all’aperto con numerosi artisti nel rione S.Leucio di Veroli, dalla chiesa di S.Leucio fino alla chiesa di S.Michele Arcangelo. L’artista sarà presente proprio nella piazzetta davanti alla chiesa di S.Leucio ed eseguirà una estemporanea la sera dell’11 agosto.
  • estemporanee di notte ArtNight organizzate da Art Qube a Gaeta (4 agosto), Fondi (12 agosto) e Gallinaro (in occasione del Festival Gallinarock 15-17 agosto)


nelle foto:

  • al Teatro Comunale di Fiuggi con l’assessore Terrinoni
  • alla Villa Comunale di Frosinone con l’assessore Fabrizi e il curatore delle mostre della rassegna Alfio Borghese
  • locandine degli eventi Art Qube e “Scoprire la Ciociaria”

Mostre di Agnes Preszler – luglio 2012

“L’anima nel volto”

mostra di pittura nell’ambito della seconda edizione della Rassegna “L’arte visiva contemporanea”

Villa Comunale di Frosinone, dal 24 luglio al 5 agosto

orari: 9.30-12.30 e 16.30-19.30, tutti i giorni, domenica compresa

Ritratti eseguiti con varie tecniche (matita, pastelli, olio, acrilico), selezionati dalla produzione artistica degli ultimi due anni della pittrice verolana di origine ungherese. Si tratta dei lavori più rappresentativi realizzati nell’ambito dei vari progetti come “Volti Ciociari” e “Icone Moderne” portati avanti dall’artista e di altri quadri fuori collezione per offrire una panoramica  completa ai visitatori.

Nella stessa occasione espongono Giovanni Mazzanti (“Danger”) e Domenico Casu (“Il colore dell’anima”)

 

Estemporanea a Serrone - Agnes Preszler
Estemporanea a Serrone – Agnes Preszler

Collettiva a Fiuggi, Teatro Comunale, 22-29 luglio

La pittrice che ha partecipato recentemente al progetto “Scoprire la Ciociaria” sarà presente con tre opere alla mostra itinerante di cui prima tappa sarà a Fiuggi, nell’ambito del Fiuggi Family Festival, presso il Teatro Comunale,  dal 22 al 29 luglio.

Plein air con Agnes Preszler – Estemporanee “Scoprire la Ciociaria”

Concerto e mostra di icone sacre, cattedrale di Pontecorvo

Concerto a cura del duo da camera “Harmoniflute” formato da Fabio Angelo Colajanni al flauto e Clara Lombardi all’organo.
sabato 23 giugno, ore 21
Icone moderne – mostra personale di Agnes Preszler
La mostra rimarrà aperta fino al 2 luglio
(breve riassunto)
L’idea è la realizzazione di nuove icone raffiguranti volti frontali di santi in chiave moderna. Il senso dell’opera è avvicinare i giovani al culto religioso, “aggiornare”  l’immagine che abbiamo di loro al gusto estetico di oggi, pur trattando i soggetti col massimo rispetto.Per questo ho scelto di mettere luce e colori accesi sulle tele, usando così una forma di “racconto” vicino all’immaginario delle nuove generazioni. Non storie di sofferenza ma immagini che trasmettono speranza e fiducia. Non icone rigide, ma persone nella loro fisicità, in un dialogo a tu per tu con lo spettatore. Non più ideali irraggiungibili ma esseri umani come noi, allo stesso tempo emananti una luce interiore che indica la presenza divina quindi sempre esempi di vita da seguire.

S.Benedetto

Cristo Pantocreator

(versione estesa)
Quale attualità hanno oggi i santi nel nostro mondo individualista e consumista? Una volta erano considerati esempi di vita da seguire, erano fari che aiutavano ad attraversare le difficoltà della vita, loro che hanno conservato la fede anche tra le circostanze più estreme, spesso fino al martirio.
Ma cosa possono dire all’uomo di oggi, preso dalla vita frenetica, del mondo usa e getta, dove conta avere successo, soldi, beni materiali. Quando c’è una perdita di valori ormai da generazioni, quando le virtù ( la stessa parola è caduta in disuso) sono soggetti di derisione, quando semplicemente l’uomo di oggi non capisce come potevano persone sane di mente scegliere consapevolmente una vita piena di rinunce, di sofferenze e spesso anche la morte violenta, è difficile immaginarsi queste anime accese.
Queste sono alcune domande a cui lapittrice cercava risposte quando ha deciso di dedicare una serie di “icone moderne” ai santi più o meno popolari, ma sicuramente indiscutibili esempi anche per l’uomo di oggi. Icone, perché raffigurano santi che con lo sguardo catturano lo spettatore, non sofferenti ma in uno stato e in uno spazio che sa di metafisico, con i loro simboli che l’iconografia a loro attribuisce. Moderne, perché i santi sono rappresentati come esseri umani, più “alla mano” dei santi irraggiungibili e distaccati dal mondo delle icone bizantine o occidentali. I simboli che aiutano a riconoscerli certe volte assumono più significati.

copia di El Greco (Maria Maddalona)

 S Francesco d’Assisi
Così San Francesco di Assisi, con un uccellino sulla spalla, simbolizzante, secondo la tradizione, il rapporto con le creature celesti, ma anche con la natura. Per l’uomo di oggi trasmette un messaggio ecologista: egli non può considerare sé stesso al di fuori del suo ambiente, sfruttando ed inquinandolo fino alla totale distruzione. Deve scendere dal piedistallo ed integrarsi con la natura, rispettandola con tutte le sue creature.

S.Agnese

S. Agnese, è un’adolescente con grandi occhi azzurri in cui si rispecchia il cielo, porta sulla spalla un agnello,  rappresenta quindi un rapporto intimo con Cristo (di cui l’agnello è simbolo); nell’altra interpretazione illustra l’innocenza dei bambini e dei puri di cuore.

S.Elisabetta d’Ungheria

Santa Elisabetta d’Ungheria, principessa e moglie, poi vedova di Ludovico IV di Turingia, una breve vita spesa per i malati e i poveri, in forte contrasto con la sua posizione da privilegiata, esempio di carità, viene raffigurata con le rose in cui si sono trasformate, secondo la leggenda, le vivande che portava nel grembiule ai poveri.

S.Maria Salome, patrona di Veroli
Santa Maria Salome, patrona di Veroli, è una delle donne mirofore, quindi è portatrice di profumi alla tomba di Gesù (nella sua mano un recipiente), è illuminata da una luce che simboleggia quella della  resurrezione.

Giovanna d’Arco
Giovanna d’Arco, eroina nazionale e patrona della Francia, di cui quest’anno ricorrono 600 anni dalla nascita, è una giovane coi capelli corti, in armatura, mentre con la mano stringe la spada. Guerriera per
necessità, ma sempre adoperante per la pace, rappresenta la forza del popolo che non sopporta invasori e tiranni. Lo sguardo è triste in quanto sa che tale coraggio, considerato inaudito in quantopersona semplice e in più donna, non può rimanere impunito.

S.Caterina d’Alessandria
Anche Santa Caterina d’Alessandria è consapevole che, pur scampando alla tortura della ruota dentata, non può fuggire al suo destino, non solo in quanto cristiana, ma anche come donna che ha osato sconfiggere i suoi interlocutori in materia di filosofia e teologia. 
Padre Pio
Oltre alla nuova collezione, altri soggetti religiosi, come il ritratto di padre Pio, la copia di un dipinto di
El Greco ed altri ancora. 

S.Pietro penitente

Il Verbo
 
papa Woytyla

Mostre di Agnes Preszler giugno 2012

comunicato stampa 28/05/2012Image

Ancora settimane  ad alta intensità per la pittrice verolana Agnes Preszler, che il 28 maggio ha ricevuto un riconoscimento speciale durante la premiazione dei partecipanti del concorso “Megalmiti e megalmitiche”, presso il Palazzo della Provincia di Frosinone.

Visti il successo di pubblico e l’incoraggiamento da parte dell’Amministrazione Provinciale, la mostra bipersonale “Enigmi e paradigmi” è stata prolungata fino al 10 giugno p.v. Ricordiamo che la stessa presenta opere della pittrice e di Otello Perazzi che raffigurano le mura ciclopiche in epoche preromane e i ritratti dei loro indagatori, studiosi e divulgatori.
Palazzo della Provincia, piazza Gramsci. Orario continuativo: 7.30-19.30, sabato e domenica chiusa (salvo eventi particolari)

Altri eventi in agenda:
4-9 giugno —- collaborazione all’infiorata dell’abbazia di Casamari per la festa del Corpus Domini (tappeto di fiori e di altri materiali rigorosamente organici, con dettagli realizzati a pastelli)

fino al 9 giugno —- personale di pittura presso il foyer della Banca Popolare del Cassinate, Cassino

9 giugno e altre date – Rassegna d’arte “La Fenice”, Anagni – partecipazione con il ritratto dello scultore anagnino Tommaso Gismondi

9-10 giugno – ArtNight – Anagni —- estemporanea di notte nel centro storico. L’artista sarà presente in piazza Bonifacio VIII e realizzerà un dipinto di grandi misure, almeno 100x100cm, con le effigie dei quattro papi di origine anagnina

24 giugno —–partecipazione alla mostra-mercato nel borgo di Santa Croce, Veroli

Mostre di Agnes Preszler, giugno 2012

 

Image

Ancora settimane  ad alta intensità per la pittrice verolana Agnes Preszler, che il 28 maggio ha ricevuto un riconoscimento speciale durante la premiazione dei partecipanti del concorso “Megalmiti e megalmitiche”, presso il Palazzo della Provincia di Frosinone.
Visti il successo di pubblico e l’incoraggiamento da parte dell’Amministrazione Provinciale, la mostra bipersonale “Enigmi e paradigmi” è stata prolungata fino al 10 giugno p.v. Ricordiamo che la stessa presenta opere della pittrice e di Otello Perazzi che raffigurano le mura ciclopiche in epoche preromane e i ritratti dei loro indagatori, studiosi e divulgatori.
Palazzo della Provincia, piazza Gramsci. Orario continuativo: 7.30-19.30, sabato e domenica chiusa (salvo eventi particolari)

Image

Altri eventi in agenda:
4-9 giugno —- collaborazione all’infiorata dell’abbazia di Casamari per la festa del Corpus Domini (tappeto di fiori e di altri materiali rigorosamente organici, con dettagli realizzati a pastelli)

Image

fino al 9 giugno —- personale di pittura presso il foyer della Banca Popolare del Cassinate, Cassino

9 giugno e altre date – Rassegna d’arte “La Fenice”, Anagni – partecipazione con il ritratto dello scultore anagnino Tommaso Gismondi

Image

9-10 giugno – ArtNight – Anagni —- estemporanea di notte nel centro storico. L’artista sarà presente in piazza Bonifacio VIII e realizzerà un dipinto di grandi misure, almeno 100x100cm, con le effigie dei quattro papi di origine anagnina

24 giugno —–partecipazione alla mostra-mercato nel borgo di Santa Croce, Veroli

L’arte di Agnes Preszler a Cassino: collettiva fino al 31 maggio, personale fino al 9 giugno

Comunicato stampa 26/05/12

Ben 35 i quadri, tra ritratti, nature morte e paesaggi, esposti nella saletta expo della Banca Popolare del Cassinate, in via Corso della Repubblica, fino al 9 giugno. La pittrice e ritrattista Agnes Preszler torna così nel cuore di Cassino, questa volta con una personale. Infatti, l’artista verolana due mesi fa ha esposto, per la prima volta a Cassino, presso la Biblioteca Comunale, nell’ambito della collettiva “Le donne e l’arte”. Attualmente (fino al 31 maggio) è partecipante della collettiva “Legato Exhibition”, sempre alla Biblioteca, con due quadri che raffigurano Sofia Loren ne “La Ciociara” e rappresentano quindi uno degli “effetti collaterali” (in questo caso gli stupri di massa), che la popolazione civile deve sopportare in tempo di guerra.

pagina FB https://www.facebook.com/events/332483630152756/

“Enigmi e paradigmi”

Le mura ciclopiche e i loro indagatori, studiosi e divulgatori nelle opere degli artisti Agnes Preszler e Otello Perazzi

 

Atrio del Palazzo della Provincia di Frosinone
21-31 maggio 2012
orario continuativo: 7.30-19.30, sabato e domenica chiusa

Comunicato stampa 17/05/2012

Lunedì 21 maggio si inaugura la mostra “Enigmi e paradigmi” presso il Palazzo della Provincia di Frosinone. L’esposizione, patrocinata dalla Fondazione Gianluigi e Stefano Proia, presenta una ventina di quadri raffiguranti le mura megalitiche del nostro territorio (opere di Otello Perazzi) e altrettante immagini di personaggi di ieri e di oggi che si sono interessati alle stesse. I ritratti, realizzati da Agnes Preszler, includono figure come Heinrich Schliemann, famoso scopritore d Troia; l’archeologa e pittrice Marianna Candidi Dionigi, lo storico e scrittore Ferdinand Gregorovius ed ancora Mario Pincherle, Luigi Ceci, Don Giuseppe Capone, Giustiniano Nicolucci, Flavio Fiorletta, Adriano Forgione, Roberto Giacobbo, Giulio Magli, Giancarlo Pavat e molti altri, tra indagatori, studiosi e divulgatori. La collezione, che parteciperà al concorso “Megal(m)iti e megal(m)itiche”, tuttavia non è completa, in futuro saranno aggiunte ancora altre opere. Gli intenditori sicuramente sapranno apprezzare questa carrellata di immagini: i ritratti che in molti casi strappano dall’oblio personaggi di cui spesso esistono solo vecchie litografie o foto ingiallite, e le splendide illustrazioni di epoche ormai lontane. La collezione farà parte del costituendo museo etno-storico regionale Arkeomitika, ideato e avviato da Giorgio Copiz e Gianluigi Proia, che hanno curato tutta la ricerca storica. La mostra rimarrà aperta fino al 31 maggio.

 

Volti ciociari

comunicato stampa

Volti ciociari in mostra. La pittrice verolana Agnes Preszler intende realizzare 50 ritratti di persone residenti nella provincia di Frosinone ed esibirli in mostre in varie città del territorio. I ritratti saranno realizzati nei prossimi mesi, con varie tecniche, a discrezione dell’artista. Gli interessati possono mandare le loro foto (di buona qualità) all’indirizzo email pagnes@email.it, indicando
nell’intestazione: “Volti ciociari”. I soggetti possono essere di qualsiasi età, dal neonato fino all’anziano, di qualsiasi etnia. L’invio implica l’accettazione del fatto che l’opera realizzata in base alla foto sarà esposta in mostre e diffusa in internet e dai vari media. I volontari non devono sostenere alcun costo, ma, se desiderano, possono acquistare l’opera per un prezzo da concordare. Informazioni: 329/6494754 o 388/7587211, sito www.pagnes.tk