Gli uccelli di Picasso e i girasoli di Van Gogh

“Tutti vogliono capire la pittura. Perché non cercano di capire il canto degli uccelli? (…)” Pablo Picasso

Mi dispiace ma sono d’accordo solo parzialmente.

Il canto degli uccelli è destinato ad altri uccelli, la pittura invece è un linguaggio visivo destinato agli uomini. Perché ascoltiamo il canto degli uccelli allora? Perché è bello e ci affascina.

Al contrario, essendo la pittura un linguaggio visivo deve comunicarci qualche messaggio e il pubblico dev’essere in grado di coglierlo. Il messaggio non dev’essere per forza verbalizzato, anzi. Può essere semplicemente un richiamo per apprezzare le bellezze della natura. Se ciò non succede il dipinto rimane solo una decorazione e per me ha fallito nella sua missione.

Qualcuno che probabilmente non ha capito il mio punto ha chiesto se consideravo i girasoli di Van Gogh solo pittura decorativa.

 

uno dei dipinti con girasoli di Van Gogh
uno dei dipinti con girasoli di Van Gogh

La mia risposta: Non sente niente davanti un dipinto di Van Gogh? Non sente il fuoco? Nel caso di Van Gogh c’è veramente molto significato contenuto nei quadri, l’artista ha messo la sua anima dentro. E’ una pittura molto intensa, molto onesta. Non è il soggetto che dà significato ad una opera d’arte ma la partecipazione dell’artista, l’onestà intellettuale.

Le mie riserve erano riguardo a dipinti eseguiti meccanicamente, senza anima. I loro creatori pretendono che il pubblico sia ignorante se non li capisce o al contrario sostengono che essi non devono essere capiti, creando così una barriera tra artista e pubblico. In entrambi i casi hanno fallito, perché il messaggio (se c’era) non è passato.

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmailby feather
Facebookgoogle_plusrssyoutubemailby feather

Lascia un commento