Quadri e pensieri

Alcuni valori positivi espressi nella mia arte, riflessioni suggerite dalle mie opere

lettore nudo

Il lettore

Il lettore, perché la cultura è una vera ricchezza e un mezzo potente contro ogni abuso ed oppressione. Non a caso nei paesi retrogradi viene negata alle donne la possibilità di studiare. Un esempio illuminante ci viene dato dalla giovane Malala, di straordinario coraggio, premio Nobel per la Pace. Ci insegna che la cultura, l’istruzione sono valori immensi della cui importanza, noi che ci abbiamo un accesso praticamente illimitato (grazie anche ad internet), magari non ci rendiamo conto abbastanza.

Mi viene in mente anche il bellissimo film Mr. Pip (con Hugh Laurie) dove il protagonista, l’unico bianco rimasto sull’isola di Papua Nuova Guinea in un clima di grande tensione, decide di insegnare ai bambini, leggendo loro, tra l’altro, libri di Dickens (da qui il titolo). Questo nobile gesto gli costerà la vita: creduto il capo dei ribelli, viene ucciso dai militari. Il suo insegnamento sopravvive però nei cuori e nella mente dei bambini a cui ha insegnato.

Dove non c’è cultura, non ci sono ideali e non c’è compassione e rispetto per gli altri uomini, dilaga la corruzione, i soprusi e la delinquenza ha campo libero di azione. La cultura è un’esigenza e un diritto elementare dell’essere umano e come tale è inalienabile.

meditazione900cr1.jpg
Meditazione

Meditazione – l’importanza della sfera spirituale. Per una esistenza umana completa bisogna essere in pace con se stessi ed intonarsi con l’Universo. Senza un equilibrio interiore, un rispetto ed amore verso se stessi non si può amare e rispettare neanche gli altri. A prescindere dal credo religioso confessato, ci sono  valori universali positivi che, se condivisi da tutti, assicurano pace ed armonia anche nella vita sociale.

gea_cr.jpg

Gea

Gea – dea della terra nella mitologia. La donna incinta, simbolo di fertilità, tiene in mano il destino del mondo. Il vivere in armonia con la Natura, rispettarla, assicura una crescita ed uno sviluppo sostenibile anche in futuro. Nel ruolo dell’educatrice la donna perpetua questo profondo rispetto ed amore per la Natura, senza la quale il genere umano non ha possibilità di sopravvivenza. La donna come donatrice di vita ed educatrice contro lo sfruttamento senza scrupoli delle risorse della Terra e la distruzione dell’ambiente naturale che non tengono conto delle generazioni future.

I primi due quadri sono del 2015 mentre Gea è del 2011.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento