Zenart Infinity prova dei colori

Oggi ho provato i colori Zenart Infinity. Come detto prima, mi piace la chiusura, il tappo è largo e comodo (non sopporto i tappi come quelli di Maimeri, piccoli e poco larghi, appena un po’ di colore finisce dentro non riesci più a riavvitarli).

Sotto il tappo c’è un pezzo di plastica trasparente che chiude il foro del tubetto (è la prima volta che vedo una cosa del genere),  è una protezione in più per impedire che il colore finisca nel tappo.

Provando i colori su un foglio di carta Fabriano 160gsm ho notato che sono molto pigmentati e ricchi, si stendono con facilità.

I colori del set Essential (senza il bianco e il nero)

Leggendo il foglietto illustrativo (in inglese, però la tabella è molto intuitiva), si scopre che i colori contengono in genere un solo pigmento, alcuni ne usano due, solo il blu ceruleo consiste in tre pigmenti: ftalo blu, ftalo verde e bianco (in confronto il blu ceruleo della linea Georgian della Daler-Rowney – un’altra linea che mi piace, ho il Jumbo set,- ne contiene quattro e risulta tossico, come lo è anche il rosso cadmio e il blu cobalto).

Il foglietto illustrativo

Usare un solo pigmento è un bene, perché i colori sono più puliti ed è più semplice ottenere le miscele giuste e armoniose.  Come risulta dallo stesso foglietto, i pigmenti naturali tossici sono stati sostituiti con altri che producono un effetto simile, aderendo alla normativa  ASTM D4236.  Controllando poi i vari pigmenti nei colori normalmente tossici se naturali (contenenti Cadmio, Cobalto, ecc.), nel The artist handbook di Ray Smith vedo quasi sempre la lettera B che sta  per “relativamente innocuo”. Io comunque uso sempre dei guanti in simil-latex per non sporcarmi e proteggermi da eventuali colori tossici, quindi non c’è problema.

Sempre nel depliant allegato si consiglia di comprare il set Essential e aggiungere il set Impressionist (colori brillanti) per dipingere paesaggi, e/o il set Portrait (contenente terre) per ritratti. Ho notato che Essential e Portrait contengono colori opachi o semiopachi (ad eccezione dell’alizarina), mentre la tavolozza Impressionist consiste di colori trasparenti (tranne il bianco). Il bianco è presente in ogni confezione – infatti, se ne usa in quantità per le varie miscele, tanto che ho la confezione da 200ml (Winton). Il bianco del set per ritratti consiste in una miscela di titanio e  zinco per una miglior resa degli incarnati, particolarmente difficile ottenere. I maestri usavano bianco di piombo, oggi eliminato proprio per la tua forte tossicità.

Lascia un commento